materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Avatar utente
macigno
Utente junior
Messaggi: 242
Iscritto il: 03/09/2015, 23:06
Gender: None specified

materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda macigno » 04/09/2016, 12:09

Buongiorno a tutti
vorrei aprire questo topic facendo una piccola rassegna di materiali che normalmente sono e possono essere usati
nell'arte di fare trucioli.
INTRODUZIONE

La falegnameria impiega molti materiali per costruire mobili e oggetti in legno ma anche strumenti musicali. Almeno alcuni strumenti.
Creare una sorta di romanticismo della falegnameria è limitante in quanto ogni epoca ha avuto nuovi materiali.
Certo a partire dal legno il discorso sarebbe chiuso in anticipo, ma si dovrebbe vietare anche il piallaccio o il compensato?
Quindi l'evoluzione porta sempre alla scoperta di nuovi materiali.
Questo non vuol dire che il falegname potrà usare per il proprio lavoro anche la plastica che di legno non ha nulla.
Questo sottile confine porta inevitabilmente a discutere di dove ognuno vede la linea del confine; dagli intransigenti a quelli aperti a fare nuove esperienze.
A parte l'esperienza esistono anche lavori dove la scelta del materiale è importante per la riuscita del medesimo.
Non da meno il contenimento dei costi. Non a caso nei mobili antichi non sempre i più pregiati sono in massello
anzi è vero il contrario lo sono quelli impiallacciati.
I mobili antichi di solo massello hanno un limite molto netto, limite superato magnificamente dalla creazione del piallaccio pregiato che rende il mobile bello pregiato e praticamente eterno confronto al massello.
Il compensato? Il truciolato dell'epoca? Forse si. Eppure già gli antichi romani avevano creato una sorta di compensato, propriamente detto, per irrobustire una lastra di legno che serviva da scudo,con un'altra lastra di legno messa per traverso; appunto compensare.
Quindi il falegname attento o ebanista dell'epoca nel sostituire un fondo di massello d'abete tutto spaccato storto e imbarcato con un compensato che era più nobile (piallaccio pregiato) più resistente e più leggero aveva fatto il primo passo avanti.
Buon proseguimento.


Avatar utente
nikigio
Utente senior
Messaggi: 2976
Iscritto il: 04/07/2016, 11:49
Località: Trento
Gender: Male
Contatta:

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda nikigio » 04/09/2016, 13:31

Ti seguo mi hai incuriosito.


ImmagineBannato da Legnofilia.it. Perché difendo la verità.
Non realizzo nulla di nuovo. Condivido esperienze.3663132688
Avatar utente
Riparz
Utente senior
Messaggi: 1561
Iscritto il: 04/08/2016, 20:22
Gender: Male

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda Riparz » 04/09/2016, 14:28

Idem...sono già in poltrona con una buona birra fresca ;)


Ogni direzione è vana senza una meta
Avatar utente
fabrizio979
Amministratore
Messaggi: 1454
Iscritto il: 06/08/2015, 13:24
Località: Catania
Gender: Male

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda fabrizio979 » 04/09/2016, 17:47

E che volete fare, oggi tanto Fernando ci butta il carico :D 8-)


Avatar utente
macigno
Utente junior
Messaggi: 242
Iscritto il: 03/09/2015, 23:06
Gender: None specified

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda macigno » 08/09/2016, 21:53

LEGNO
principale artefice del nostro mestiere. Materia prima e fondamentale di tutto quello che ruota attorno
ad esso.
Il legno è un materiale naturale fornitoci dalla natura e come tale esso è il corrispettivo della pianta che c'ha fornito quella particolare specie legnosa. Quindi stiamo parlando di migliaia di specie legnose con caratteristiche particolari che fanno di ogni essenza un materiale unico anche se accomunato tantissimo nei tratti generali
della lavorazione. Insomma se sai lavorare il legno le differenze tra i vari legni sono relative anche se importanti.
Per questo, in questa sede, parleremo solo del legno in generale non nello specifico.
Immagine
Tronchi di legno nella primissima fase della lavorazione

La prima volta che abbiamo tagliato una tavola in due e poi l'abbiamo incollata noi abbiamo creato il primo semilavorato del legno. Non esistono legni su misura del manufatto che ci accingiamo a costruire.
Lavorare il legno conferisce a questo materiale delle caratteristiche che possono scostare molto dal pezzo di legno sano, intero come la pianta l'ha creato.
Immagine
E' dura pensare di ricavare del legno buono a partire da tronchi in queste condizioni
Se la natura ci fornisce un legno già su misura per quello che vogliamo costruire questo è un vantaggio non indifferente che l'uomo ha sempre sfruttato a suo favore.
Immaginiamo di fare una fionda cerchiamo un ramo con una diramazione ed uno spessore congeniale.
Oppure un tronco che tagliato in due possa somigliare ad una canoa, un arco, un pugnale, un punteruolo ecc. ecc.
Immagine oggetti di uso quotidiano
Nella costruzione complessa di oggetti diversi dal semplice uso primitivo della vita umana, l'uomo ha imparato che la lavorazione arricchisce molto il legno e ne esalta i pregi in maniera non indifferente.
La levigatura ne è un esempio ma anche il taglio ha messo in evidenza venature particolari del legno che invece sarebbero sempre rimaste celate all'interno del tronco.
La lavorazione del legno fa il falegname,forse questo potrebbe essere già la spiegazione di cosa significhi essere uno che fa-legno; falegname.
Immagine
tavolame
Costruire un oggetto, un mobile con il legno richiede la trasformazione del legno affinchè risponda alle nostre esigenze e quelle del manufatto in questione. Questo porta obbligatoriamente ad adottare diversi tipi di taglio e di parti del legno. Quindi il legno è trasformato incessantemente in parti che come un puzzle compongono il nostro progetto. Potrebbe essere utile anche una lamina sottile di legno che come doratura vada a ricoprire un altro legno per creare un oggetto artistico.
Quindi dobbiamo imparare a rispettare il legno nelle sue trasformazioni e capirne la lavorazione che ne accresce il valore e quella che sfruttando parti non buone o meno nobile del legno ne diminuisce il valore. Un pò come il taglio della carne. Non da meno le caratteristiche meccaniche che il taglio può conferire o cambiare ad un pezzo particolare di legno destinato ad un uso speciale. Nei tempi antichi l'uomo usava il legno per tutto, o quasi.
Questo ha portato allo sviluppo di una tecnica di lavorazione abbastanza complessa che certamente non potrà essere riassunta con una pagina come questa.
continua....................


Avatar utente
Piccolo Tanto
Utente junior
Messaggi: 202
Iscritto il: 10/07/2016, 21:52
Gender: Male

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda Piccolo Tanto » 09/09/2016, 6:12

macigno ha scritto:continua....................


...allora attendiamo!!! ;)


...perché spendere €50 quando posso avere la stessa cosa spendendone il doppio!?! :dance:
Avatar utente
macigno
Utente junior
Messaggi: 242
Iscritto il: 03/09/2015, 23:06
Gender: None specified

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda macigno » 10/09/2016, 13:54

Legno- compensati ed affini; spiegare il legno e le sue lavorazioni porta inevitabilmente a capire perchè l'uomo abbia fatto questi semilavorati.
Non è una questione di purezza del mestiere:"Io uso solo legno pieno" perchè i semilavorati sono legno!
La questione si sposta inevitabilmente su due piani: economico e tecnico.
Economico perchè alcuni semilavorati sono decisamente prodotti del riciclo degli scarti e quindi di basso costo.
Strutturale tecnico perchè ogni lavorazione, manufatto o struttura richiede il giusto materiale.
Combinando le due cose in senso negativo, ovvero il materiale di scarto usato al posto del materiale di primo taglio assistiamo semplicemente ad una truffa.
Il taglio del legno è una cosa che richiede un minimo di conoscenza. Immaginare che da un tronco perlopiù di
forma circolare ne esca una superficie piana ed uniforme fa capire che esiste una tecnica oltre ad una buona esperienza.
Gli anelli di accrescimento della pianta determinano un alternanza di fibre legnose che miscelate come solo la natura sa fare creano la venatura del legno.
Un taglio al centro del tronco, che lo spacchi in due come un cocomero, non è uguale allo stesso taglio della stessa linea ma sulla scorza del legno.


Immagine

il taglio che parte dalla superficie esterna del tronco e raggiunge il centro del tronco, esattamente come un'equazione di una retta che passa per due punti, è un taglio radiale.
Dopo aver ottenuto le prime due fette di tronco, passatemi il termine, ripetere lo stesso taglio comincia ad essere molto difficile. Possiamo fare ancora un taglio che parte dall'estremo della corteccia e raggiunge il centro
e a questo punto abbiamo ottenuto quattro quarti di tronco. Questo taglio considerato in assoluto il più pregiato di tutti si chiama: TAGLIO DI QUARTO.

Immagine

Immagine
Immagine

Normalmente il legno in tronchi che si usa per la falegnameria ha un taglio tangenziale.
continua.............


Avatar utente
Paquito
Utente junior
Messaggi: 260
Iscritto il: 25/04/2016, 21:08
Località: Scafati (SA)
Gender: Male

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda Paquito » 12/09/2016, 21:13

Gran bel topic, grande Fernando!


Molto spesso è distensivo e salutare provarci, si spera qualche volta riuscirci.
Avatar utente
ERIK
Utente junior
Messaggi: 159
Iscritto il: 28/08/2015, 20:13
Gender: Male

Re: materiali:legni, compensati&affini una guida utile

Messaggioda ERIK » 14/09/2016, 19:56

Interessantissimo, grazie Fernando!!!!


Ogni legno ha il suo tarlo. :chores-chopwood:

Torna a “Tecnica generale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti